Memoria: la sua importanza sulla salute.

Cosa centra la memoria con il nostro stato di salute?

Nel mio sito trovi spesso scritto come un mantra “siamo emozioni materializzate con il cibo”. Questo per sottolineare il fatto che migliori sono le nostre emozioni, maggior qualità sono gli alimenti che ingeriamo, migliore sarà la nostra vita e la nostra salute.

Ma se per il cibo possiamo arrivarci consciamente, per quanto riguarda le emozioni il discorso si fa più difficile.

Le nostre emozioni sono date da ciò che percepiamo al presente (anche se un ricordo passato o un idea di un evento futuro) elaborate dal nostro inconscio, che a sua volta, utilizza la nostra memoria per “reagire”.

“Reagire”?

Proprio così! Le emozioni sono una reazione e, se positiva, allora vuol dire che il nostro inconscio ha fatto tutti i suoi calcoli analizzando i dati in memoria ed ha deciso che ciò che stiamo vivendo non è pericoloso e, forse, addirittura positivo per la nostra sopravvivenza; se negativa allora vuol dire che nel nostro vissuto c’è un evento simile che fu dannoso per noi OPPURE non c’è nulla di simile in memoria ed allora il nostro istinto ci dice “stai allerta, non si sa mai”.

Il problema insorge quando eventi quotidiani ripetuti ci rifanno vivere emozioni negative e queste, a loro volta, si trasformano in stimoli all’ipotalamo e conseguente risposta ormonale e metaboliche funzionali.

Il nostro corpo parla chiaro! Dolori ricorrenti, disfunzioni viscerali, insonnia, e tanto altro ancora sono il prodotto finale del nostro vivere quotidiano, anche quando siamo “bravi” nel mangiare e nel fare attività fisica.

Attraverso la nostra memoria inconscia reagiamo agli stimoli, anche quelli subliminali.

Alle allergie spesso sono associate situazioni sgradevoli vissute in un determinato periodo. La nostra memoria inconscia associa al trauma (fisico o emozionale) tutto ciò che registra coi sensi in quel dato momento, anche le vibrazioni subliminali! Metti caso che tu abbia vissuto un evento enormemente negativo nel periodo in cui i tigli sono in fiore, probabilmente rivivrai tutti gli anni ad inizio giugno un periodo sgradevole ed odierai quel fantastico odore che ai più risulta gradevole.

Personalmente associo a quel profumo un periodo meraviglioso: la fine della scuola quindi inizio vacanze, il mio compleanno quindi feste, la luce fino a tardi, la possibilità di uscire dopo cena (sempre da ragazzino), la piscina all’aperto, i gavettoni con gli amici, ecc.. Per me l’odore del tiglio significa estrema felicità. Anche quando, oggi da grande, in teoria dovrei essere più risentito del periodo: i figli a casa da scuola ma io a lavorare, le belle giornate mai vissute stando chiuso in uno studio (premetto: a me il mio lavoro piace e ci sto bene, ma in estate io lavoro molto di più rispetto ad altri periodi dell’anno). Nonostante tutto, mi sveglio col profumo del tiglio e sono felice.

Quindi la memoria non ha solo effetto nocebo, ma anche un effetto placebo.

E tutto torna.

Dolori muscolari, mal di testa ricorrenti, disfunzioni dell’apparato digestivo in un dato periodo spesso sono il “passato” che inconsciamente ci torna a trovare. Il collegamento fisico alle emozioni è dato dalla reazione ormonale, immunitaria e non solo: le emozioni non sono ferme, ma come un fiume attraversano i nostri canali energetici e si “localizzano” in un organo che a sua volta, oltre ad avere maggiori difficolta nella sua funzione digestiva, è collegato a muscoli e altri punti riflessi nel corpo. Insomma, attraverso le “spie” si fa sentire, per avvisarti che qualcosa non va e che bisogna intervenire e non oscurare con farmaci.

Fai attenzione quindi ai tuoi stati d’animo!

Quando ti senti particolarmente nervoso, triste, arrabbiato, ecc permettimi di consigliarti due soluzioni entrambe efficaci:

  1. Mangia leggero e bevi molta acqua: spesso siamo affaticati a causa delle difficolta digestive o delle tossine. I nostri organi faticano a metabolizzare ed espellere tutto quanto ingerito. Ci si sveglia stanchi, facciamo fatica durante il giorno, pochi pensieri e ben confusi. Se puoi digiuna per un giorno e dieta vegan per altri 2-3 giorni consecutivi.
  2. Meditazione e Trattamento Evolutivo: lascia scivolare via tutti i pensieri, vuota la mente e rigenerati. I miei trattamenti intervengono sugli stati d’animo e azzerano i pensieri, anche inconsci.

Analizza te stesso

In questi momenti siamo tutti predisposti a trovare un responsabile, non capendo perché stiamo male, perché siamo nervosi. Spesso un famigliare o un collega… oppure la politica, i figli.. ci serve un capro espiatorio. Se hai un tuo account su Facebook, lo capirai perchè in quel momento tutti ti sembrano stupidi e ti viene l’istinto di rispondere a tutti i commenti facendo notare la loro totale insufficienza cerebrale! In verità è tutto dentro di noi. Oddio, magari qualche idiozia si legge veramente, ma quando stai bene sorvoli tranquillamente!

Ripulisiciti dalle “tossine emozionali” se puoi. Fa bene a te e a chi ti sta vicino.

Questo vale anche quando vedi una persona molto nervosa o triste accanto a te. Non lo fa apposta. Perdonalo se riesci e cerca di dargli questi consigli.

Super consiglio finale

Le emozioni create nel corpo sono frequenze… queste sono la “lingua” che parla l’Universo. Attenzione quindi alle due leggi fisiche di risonanza e attrazione! Attrai quello che emani! Non ci credi? La fisica quantistica non è una scienza dimostrata? Allora sperimenta tu stesso ed analizza ciò che ti accade quando il tuo corpo produce emozioni negativa!

Comunque questo è un altro discorso, importantissimo da approfondire, ma lo faremo in un altro articolo!

Un abbraccio e a presto.

Matteo

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *