Burn-out

Con il termine Burn-out, o sindrome di Burn-out, si identifica una serie di sintomi derivati da uno stato di stress cronico IN PREVALENZA originati da un contesto lavorativo. Il corpo, la mente, la biologia del corpo, in una visione olistica, sono inscindibili, inseparabili impossibile da settorializzare, di conseguenza bisogna considerare l’insieme di tutti gli stress che siano di origine emozionale, fisici o biochimici che portano allo stato di Burn-out.
Sono quindi molteplici le cause, in particolare, appunto, si usa il termine burn-out quando gli stress lavorativi ci portano ad esaurirci energeticamente, mentalmente. Spesso troppi carichi di lavoro, obiettivi irraggiungibili, la sensazione che tutto sia caricato sulle proprie spalle.
Come conseguenza si può arrivare all’apatia totale verso lavoro, conflitti relazionali con i colleghi, una ridotta capacità di portare a termine i propri incarichi, depressione. Come si evince, la situazione non può essere settorializzata al contesto lavorativo, quindi chi arriva a sviluppare i sintomi della sindrome di burn-out, molto facilmente se li porta anche fuori dal contesto professionale.
Si evince anche, che le situazioni negative che si vivranno al di fuori del contesto professionale entreranno a far parte della cause stesse della sindrome.
Una situazione di questo tipo, porta inevitabilmente all’esaurimento mentale E FISICO, considerando il fatto che ogni stress incide sull’intero triangolo della salute; avremo quindi dolori fisici, abbassamento delle difese immunitarie, difficoltà all’apparato circolatorio, organi e visceri meno efficienti con conseguenze che andranno dall’aumento delle tossine corporee, malnutrizione, acidosi tissutale. E ancora, spasmi muscolari, insonnia, tachicardia, vertigini, disturbi sessuali, ipertensione.. ed altro ancora.