Addio vecchi trattamenti

Ciao a tutti,

Addio vecchio passato!

con questo articolo volevo informarvi che il 31 dicembre appena passato anche io ho “bruciato il vecchione”.

Nel menu dei miei trattamenti sono “scomparsi” (bruciati assieme al vecchione) alcuni trattamenti:

1-trattamento domiciliare anziani

2- trattamento drenante

3-trattamento pre-post parto

Non si tratta di un errore: non li faccio più! Non sono più in linea con la mia mission, li facevo per abitudine e routine e, soprattutto, perché tramite passaparola la gente me li continuava a chiedere e io, di conseguenza, visto che continuavo a farli, li ho lasciati pubblicati sul sito ma…

-il trattamento domiciliare non posso più proporlo perché non ho più tempo di andare a casa dei miei anzianotti adorati. Devo restare in studio.

-Il mio trattamento linfodrenante era stato studiato per seguire casi specifici talvolta quasi patologici, come nel caso di asportazione di gangli linfatici o safena(in questi casi con autorizzazione del medico). E’ una manualità che continuo ad utilizzare quando mi serve, ma non voglio più eseguirla quando il fine ultimo è di tipo estetico (es: cellulite). Non mi metto in concorrenza con le estetiste e per il mio tipo di approccio non è nemmeno motivante. Per questo quando mi arrivano oggi clienti tramite passaparola per fare trattamenti per la silhouette, le dirotto all’estetista che magari ha anche prodotti e trattamenti più specifici. Si, è sicuramente più brava di me a conseguire risultati apprezzabili. Non mi vergogno a dirlo; mi vergogno di più a mettermi in competizione e perdere il confronto in un campo che non mi appartiene (e dopo 25 anni di studi non mi va)

-Pre-post parto. Bellissimo trattamento e questo lo abbandono con dispiacere. E’ sempre stato meraviglioso poter aiutare una donna in questo fantastico momento della sua vita. Far star bene la mamma significa far star bene il bambino. Alcune persone confondevano il trattamento pre-post parto con il discorso estetico e, senza nemmeno cercare di capire, insistevano sul discorso gambe gonfie. Pazienza, fatto sta che non è più in linea con i miei progetti.

Chiedo scusa se ho creato un malinteso. A volte capita quando negli anni si progredisce, si cambia, si migliora (in natura “o ti elevi o te levi” detto alla romana), quando si aggiungono informazioni e ci si perfeziona, di fare l’errore di “aggiungere” senza mai “togliere”.

Certi protocolli operativi me li porto dietro da 25 anni, quando iniziai il mio percorso dentro le mura di un centro estetico, e mi hanno lasciato incollato al passato a tal punto che ho messo un forte dubbio a quelli che mi seguono oggi: “ma tu, cosa fai?

Sono un terapista olistico, il mio obiettivo è migliorare lo stato di salute e benessere dei miei assistiti. Tratto con ottimi successi dolori di origine non traumatica e stati di malessere emotivo utilizzando tecniche come l’osteopatia posturale, la kinesiologia, la terapia cranio-sacrale biodinamica, e tanto altro.

Si rivolgono a me sia persone con dolori localizzati frequenti di origine sconosciuta, sia persone stressate, demotivate, con sbalzi di umore. Ai più può sembrare strano ma l’approccio manuale è molto simile. Utilizzo tecniche mirate e personalizzate a seconda di quello che vedo e di quello che “ascolto” con le mie mani.

Fornisco i famosi “consigli mai richiesti”, quelli che aiutano ad eliminare il problema ma che sono portati avanti in prima persona nel quotidiano dal mio assistito che deve prendersi la responsabilità della sua disarmonia. Quelli che “ma io non voglio cambiare, volevo che tu mi mettessi a posto”. Quelli che quando sono ascoltati e messi in pratica fanno un’enorme differenza.

Utilizzo anche il massaggio se mi occorre. nella mia “cassetta degli attrezzi” c’è tantissimo. Mai ho smesso di studiare. Quello che cambia è l’obiettivo ed il contesto in cui vengono inserite le manovre.

Con quale obiettivo vieni da me? Quale problema stai vivendo?

Esempio: “Sto vivendo un periodo di apatia e stanchezza cronica, vorrei tornare ad essere energico e motivato”!

Posso intervenire su diversi aspetti: energetico, strutturale, biochimico. Faccio i miei test, seguo i tuoi blocchi fisici e li rimuovo, ti darò i “compiti a casa”, ecc.. Alziamo l’asticella del tuo benessere.

Diverso da “voglio fare un massaggio rilassante”. Se per te è utile e basta questo, non credo che io possa offrirti qualcosa di meglio rispetto ad una massaggiatore che è ad inizio percorso. Francamente le mie mani ascoltano anche se provo a distogliere l’attenzione, e quando sentono situazioni da sbloccare, magari con manovre più profonde e per niente rilassanti, non voglio sentirmi bloccato. Io intervengo!

Il colmo per un manipolatore? AVERE LE MANI LEGATE! 😉

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *